PEERS® FOR ITALY

Obiettivi del progetto

Negli ultimi anni sono stati sviluppati diversi modelli terapeutici per trattare la sintomatologia core e i problemi associati al disturbo dello spettro autistico (ASD).
Esistono numerose prove di efficacia a sostegno della positiva correlazione tra competenze sociali, autoefficacia e buoni livelli di Qualità della Vita (QoL).
Inoltre buone abilità socio-relazionali rappresentano un fattore protettivo specifico, per ragazzi nello spettro autistico, rispetto all’emergere di problematiche associate.
Gli interventi per l’età adolescenziale e adulta sono un reale bisogno socio-sanitario, nazionale e internazionale.
Ci sono diversi modelli di intervento, basati sulle evidenze scientifiche, che hanno come target di intervento il potenziamento delle abilità sociali negli adolescenti ASD.
Il Program for the Education and Enrichment of Relational Skills (PEERS®) (Laugeson et al., 2012), sviluppato dall’Università di Los Angeles (UCLA), è un protocollo evidence-based supportato da una letteratura specifica relativamente consistente (circa 40 lavori).
Le sessioni sono altamente strutturate e prevedono l’utilizzo di strategie cognitivo-comportamentali, coaching, prove comportamentali, performance feedback e homework.

Lo studio ha come obiettivo replicare ed adattare il modello PEERS® al contesto italiano: verranno messi a confronto i profili di due gruppi, entrambi composti da ragazzi e ragazze nello spettro, che effettueranno il training in due momenti
diversi. L’obiettivo del confronto è esplorare l’impatto del training sui sintomi core e su altri aspetti di vita quotidiana (funzionamento adattivo, qualità della vita).

La partecipazione al training permetterà ai ragazzi di sviluppare competenze nel fare e mantenere le amicizie, nelle abilità conversazionali, nella gestione dei conflitti, nell’utilizzo dei social networks.

Per i volontari coinvolti nello studio non sono previsti rimborsi e costi di alcun tipo.

 

Test

  • Valutazione del funzionamento cognitivo (se non effettuata di recente).
  • Valutazione della sintomatologia core (se non effettuata di recente).
  • Valutazione delle abilità sociali.

    I risultati dei test saranno riportati in una relazione dettagliata (prima e dopo il trattamento) e consegnata a ciascun partecipante

 

Criteri di inclusione

  • Ragazzi e ragazze tra i 12 e i 18 anni.
  • Diagnosi certificata dal SSN di disturbo dello spettro autistico (ASD).
  • Abilità intellettive conservate.
  • Linguaggio fluente.
  • Motivazione al cambiamento nelle problematiche relazionali.
  • Disponibilità dei genitori a partecipare al training di gruppo, a cadenza settimanale.
  • Assenza di disturbi neurologici (es. epilessia) o disturbi psichiatrici maggiori in associazione (es. schizofrenia, psicosi, bipolare).

Disponibilità Richiesta

  • Effettuare un’intervista telefonica (sia ai genitori che ai ragazzi).
  • Effettuare le valutazioni prima e dopo l’intervento.
  • La scelta di allocazione al gruppo sarà effettuata in modo del tutto casuale (da un sistema informatico). Si richiede la disponibilità ad accettare di effettuare il training nel gruppo sorteggiato.
  • A causa della emergenza COVID-19, il training sarà svolto online, con sessioni di 90 minuti per 14 settimane consecutive.
  • Sono previste sessioni sia per i ragazzi che per i genitori e si svolgeranno in parallelo, in orario pomeridiano infrasettimanale.

Centri di ricerca responsabili dello studio

  • Dipartimento di Psicologia dei Processi di Sviluppo e Socializzazione, Sapienza Università di Roma.
    Referente: Prof. Fiorenzo Laghi.
  • Servizio di coordinamento e supporto alla ricerca, Istituto Superiore di Sanità.
    Referente: Dott.ssa Maria Luisa Scattoni.
  • Supervisione della UCLA PEERS® Clinic di Los Angeles.
    Referente: Prof.ssa Elizabeth A. Laugeson.

     

    Il training sarà condotto dalla Dott.ssa Laura Maria Fatta, PEERS® Certified Provider, Ricercatrice presso Istituto Superiore di Sanità, Dottoranda presso Dipartimento di Psicologia dei Processi di Sviluppo e Socializzazione, Sapienza Università di Roma

    Il progetto di ricerca si inserisce nell’ambito del dottorato in Psicologia sociale, dello Sviluppo e Ricerca Educativa, coordinato dal Prof. Stefano Livi, della facoltà di Psicologia e Medicina, della Sapienza Università di Roma.

partecipa al progetto

Per ricevere maggiori informazioni, compila il form o manda una mail a [email protected]